Come organizzare la stanza del tuo bambino?

La stanza deve avere delle pareti a tinta unita di colore chiaro (non bianca perché la luce riflette e stanca gli occhi del bambino), deve essere areata e spaziosa. Solitamente l’ambiente viene diviso in diverse zone e adattato in base ai periodi sensitivi che il bambino vive in quel momento.

  • La zona sonno: predisposta in un angolo della stanza, in modo che la luce diretta non colpisca gli occhi del bambino. La luce, infatti, non dovrà essere centrale e diretta, ma tenue, in modo da garantire un’atmosfera tranquilla e rilassata.
  • La zona veglia. Per il pavimento si predilige il legno, poiché è un ottimo isolante.  Ciò permette al bambino, che si muove a carponi nella stanza, di non sentire freddo. In questo periodo è opportuno creare uno spazio morbido con un tappeto, dove il bambino è libero di muoversi e di sviluppare diverse capacità (strisciare, afferrare, esplorare…). Inoltre, sopra il tappeto, si posizionerà uno specchio con sotto un corrimano. Quest’ultimo permetterà al bambino di muoversi e, quindi, di irrobustire le ossa; lo specchio invece sarà utile al bambino per riconoscersi, scoprirsi e prendere coscienza della sua individualità.
  • La zona lavoro: caratterizzata da mobili e scaffali con vassoi, cesti e materiali (in base alle diverse fasi di sviluppo).
  • La zona lettura: con una piccola libreria, abbastanza alta da permettere al bambino di prendere e mettere a posto in maniera autonoma i libri.
  • Quadretti: raffiguranti immagini della natura o della famiglia, ad altezza moderata in modo che il bambino possa osservarli.

Condividi con:

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.